Canvas blog

RiskBlog

Come creare un'azienda che i dipendenti AMANO ❤️

close
Scritto da William Zisa
il dicembre 12, 2019

Piccolo quiz prima di iniziare: "Quando è stato fondato il termine Telelavoro?"

 

La maggior parte, compresa la sottoscritta, potrebbe aver ipotizzato un po 'di tempo dopo l'invenzione di Internet ma ,in realtà, il primo lavoratore remoto era un dipendente della NASA nei primi anni '70 🛰️

Era il 1979 quando il Washington Post ha pubblicato l'articolo "Lavorare da casa può far risparmiare benzina" e da lì l'idea del telelavoro ha guadagnato popolarità 🤓

 

Oggi, grazie alla tecnologia moderna, il lavoro a distanza si è evoluto e offre più flessibilità che mai. Le aziende possono scegliere tra vari modelli di lavoro a distanza e oggi, il telelavoro consente di risparmiare molte più risorse della semplice benzina e - soprattutto - di guadagnarne delle altre.

 

Secondo un sondaggio di CoSo Cloud, il 77% dei lavoratori dimostra una maggiore produttività quando lavora in remoto 👨‍💻

 

In questo articolo proverò a descrivere diversi modelli di lavoro a distanza per aiutarti a trovare quello che si adatta meglio alla cultura della tua startup o azienda innovativa.

  • Modello #1: Ufficio centralizzato + Lavoro occasionale da casa 🏡

Questo modello di telelavoro è quello che porta il cambiamento in azienda in maniera più graduale e ponderata. Con questo modello infatti, i dipendenti sono chiamati a lavorare principalmente dall'ufficio, ma con l'opzione di poter lavorare occasionalmente da casa. E' un modello potenzialmente attraente per chiunque, ma può essere particolarmente utile per genitori molto occupati o per coloro che vivono più lontano dall'ufficio. Il numero di ore remote varia da una società all'altra, ma la maggior parte di coloro che hanno adottato questa politica, assegna almeno un giorno completo alla settimana.

Secondo un recente sondaggio, il 67% delle persone in cerca di lavoro desidera maggiore flessibilità e l'84% dei millennial cerca un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Uno dei più grandi pro di questo modello è che ai dipendenti viene data maggiore possibilità di integrare l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Per molti il lavoro occasionale da casa consente l'interruzione di una routine settimanale di cui molti dipendenti hanno bisogno per evitare il così detto burnout 🤯

Questi sono i motivi per cui molte aziende famose in tutto il mondo, come AirBnb e Oracle incorporano questa occasionale politica di lavoro da casa.

 

  • Modello #2: Ufficio centralizzato + Lavorare dovunque ci si trovi

Questo modello prende la flessibilità dal modello #1 e la fa crescere di livello. Le aziende che aderiscono a questa politica danno ai loro dipendenti la libertà di scegliere dove lavorare, che si tratti di ufficio, spazio di coworking, casa o bar. Qualsiasi posto con una connessione Internet stabile e del caffè di qualità dovrebbe essere sufficiente. Viene comunque mantenuto un ufficio centralizzato per creare un luogo di incontro comune per tutti e dove magari trovarsi e riunirsi periodicamente tutti insieme 👪

Molte aziende adottano questa politica per consentire ai dipendenti di trovare un luogo in cui possono essere più produttivi, se questo non coincide con l'ufficio. In questo modello di remote working l'ufficio assume un ruolo relazionale più che operazionale.

Il modello di lavoro "da qualsiasi luogo" apre anche le porte a un pool di talenti molto più ampio. In un sondaggio condotto da KPMG, il 65% dei leader IT ha segnalato la mancanza di ingegneri software nella propria area. Adottare questo modello potrebbe certamente arginare questo problema.

 

📌 Piccola curiosità: anche un pioniere della videoconferenza come Skype aveva affidato in outsourcing il suo lavoro di sviluppo a un team di quattro ingegneri dall'Estonia. Il successo di questa azienda è in gran parte dovuto al talento di questo piccolo team remoto.

 

Per tutti coloro che sono interessati a passare a questo modello è importante assicurarsi l'allineamento tra tutti i manager. La promozione del lavoro a distanza ridurrà certamente i costi operativi ma potrebbe richiedere lo spostamento dei budget per far fronte ad altre spese, meglio essere preparati 💱

 

3 modelli di remote working
  • Modello #3: Lavoro gestito completamente da remoto senza che vi sia un ufficio centralizzato 🤠

Questo modello è di gran lunga la politica di lavoro a distanza più avanzata che un'azienda può incarnare poiché i membri del team sono distribuiti letteralmente in tutto il mondo. Le aziende che lo usano sono solitamente nate fully-remote dal primo giorno, senza un precedente ufficio fisico.

 

Quindi, per chi è nelle prime fasi della propria avventura, questo modello potrebbe essere da considerare 😉

 

Hallway ha fatto una lista delle più famose 67 aziende al mondo che lavorano con questo modello: alcune gestiscono tool tra i più famosi nel mercato online, come Todoist! 😲 🚀

 

Un vantaggio che queste aziende hanno è la possibilità di adattare gli stipendi dei dipendenti in base a dove si trovano nel mondo e al costo della vita del Paese in cui svolgono il proprio lavoro. Inoltre, rispetto al modello #2, vengono estesi ancora di più i confini circa la possibilità di assumere talenti da qualsiasi parte nel mondo 🌍

 

Tra i migliori esempi di società completamente remote fin dal primo giorno figurano anche Buffer e Zapier. Questi esempi dimostrano quanto possano essere potenti oggi le capacità virtuali.

 

Quale modello inserire nella tua azienda? 🤔

Con l'aiuto della tecnologia moderna sempre più aziende possono pensare di offrire opzioni di telelavoro. C'è un motivo per cui decine di aziende tecnologiche hanno adottato questi modelli a braccia aperte e altri ne stanno seguendo l'esempio 🏃

Se si desidera aumentare la felicità e l'impegno dei dipendenti 👉 il modello occasionale di lavoro da casa è un'opzione semplice e azzeccata. Se invece si hanno obiettivi elevati di benessere del dipendente, il modello di lavoro da qualsiasi luogo può adattarsi a varie necessità.

Tuttavia trovare il giusto modello di lavoro remoto è strettamente connesso alle tue esigenze aziendali...

 

Come puoi capire quale funzionerebbe meglio? 💡

Chiedendo ai dipendenti quali sono i loro obiettivi personali e professionali, per poi allinearli con quelli della tua azienda. In altre parole, devi partire definendo gli obiettivi che vuoi raggiungere e solo dopo introdurre il lavoro da remoto nella tua startup o azienda innovativa

 

Per creare una strategia efficace di telelavoro hai bisogno di RiskHub, il primo strategy tool che consente di definire facilmente gli obiettivi, i loro indicatori (si chiamano OKR!), identificare i rischi del telelavoro e definire le iniziative da prendere

 

Se vuoi capire meglio come inserire RiskHub, scrivi al suo founder William Zisa 👉 http://t.me/williamzisa oppure non aspettare, inizia in autonomia la prova gratuita iscrivendoti QUI 👈

 

Se invece vuoi avere news su Strategie innovative e digital trasformation iscriviti al nostro canale Telegram 👉 https://t.me/riskhub e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità

Ti potrebbero interessare anche:

lavoro agile OKR

3 passi per avere un approccio strategico

La lotta tra approccio operativo e strategico è una sfida quotidiana...che spesso le aziende perdono ⚔️

lavoro agile digital transformation

Creare valore dalla contabilità: come riuscirci

Viviamo in un paradosso: in un Paese di commercialisti ed esperti contabili come il nostro, la contabilità gestionale è ...

lavoro agile OKR

5 consigli per motivare le persone sul lavoro

<>