Canvas blog

RiskBlog

Come creare un'azienda che i dipendenti AMANO ❤️

close
Scritto da William Zisa
il luglio 02, 2020

Viviamo in tempi senza precedenti ⚡

Crazy 2020. Quest'anno sarà probabilmente ricordato come un anno "pazzo" e senza precedenti.

Ad inizio marzo la pandemia da COVID-19 ha colpito l'Italia e molte aziende si sono ritrovate a dover far lavorare i propri dipendenti da casa, senza avere il tempo di prepararsi. Nei successivi mesi la crisi è continuata e nella seconda parte dell'anno si stima che molte imprese tradizionali dovranno affrontare fallimenti e proteste.

È evidente che tutti noi, a prescindere dall'essere manager, freelance o dipendenti, ci stiamo ritrovando a vivere tempi senza precedenti.

In più, non possiamo dimenticare la difficile situazione emotiva che le persone stanno subendo, dati gli eventi catastrofici che hanno fatto da sfondo e la natura di uomo come animale sociale: nessun distanziamento potrà mai renderci felici.

E' per questo ancora più importante che oggi tutti i leader si impegnino a stringere rapporti personali con ognuno dei propri collaboratori, a prescindere dalle modalità lavorative che l'azienda ha scelto.

Chi ha avuto il privilegio di guidare organizzazioni distribuite, abituate a lavorare da remoto, conosce bene come creare il giusto affiatamento tra le persone del team sia molto più impegnativo rispetto al lavoro in ufficio 👉 è proprio questo il tempo di investire tanto tempo sul consolidamento dei rapporti con i propri collaboratori, per tutte le aziende.

 

Banner RiskBlog

 

Incontrare settimanalmente ogni collaboratore 💻

La modalità di lavoro da remoto, provata ormai in quasi tutte le organizzazioni, è destinata a restare. Google e Facebook ad esempio hanno già informato i dipendenti di prepararsi a lavorare da casa fino al 2021 e Twitter ha detto ai propri collaboratori che, se desiderano, potrebbero lavorare in mobilità per sempre. Tante altre aziende seguiranno questa tendenza trovando compromessi tra ufficio e casa 🏃

Lavorare insieme ma a chilometri di distanza è una sensazione atipica. Non esiste più la macchinetta del caffé per ri-allinearsi sul lavoro portato avanti in comune e diventa quindi fondamentale strutturare dei meccanismi di ri-allineamento esecutivo.

 

L'obiettivo è quello di non bloccare mai il flusso di lavoro.

 

Le aziende distribuite per riuscire a far lavorare le persone insieme nonostante la distanza, sono solite strutturare ogni settimana incontri veloci di monitoraggio del lavoro tra il leader e ogni suo collaboratore nel team: sono i cosiddetti one-to-one (o check-in settimanali)

Questi incontri regolari consentono al team manager di incontrare individualmente i propri collaboratori e rafforzare la relazione dell'azienda con loro, fornendo loro coaching e supporto negli eventuali problemi operativi🆘

 

I 1-to-1 di monitoraggio assicurano che l'intero team sia sempre allineato e lavori insieme.

 

Sembra quasi scontato leggere studi che dimostrano come le sessioni 1-to-1 aumentano la produttività e riducono il turnover.

 

Come-riallinearsi

 

Aspetti da considerare durante un 1-to-1 da rmeoto

Le riunioni da remoto sono simili alle riunioni di persona ma con meno margine di errore. In un ufficio infatti, sono diverse le opportunità di fermarsi e parlare faccia a faccia con il proprio team. Quando si lavora distribuiti sul territorio, invece (usando sistemi di chat tipici come Slack o Teams) quella mezz'ora di 1-to-1 potrebbe essere l'unica opportunità settimanale per ri-allinearsi! ⚠️

Ecco allora alcuni suggerimenti per ottenere il massimo dalla riunione di ri-allineamento virtuale 👇

  • Il video è la chiave 🎥
    Una videochiamata aumenta connessione e comunicazione nel team. Secondo la ricerca di Forbes, i dipendenti remoti dicono di sentirsi meglio connessi in videoconferenze rispetto ad ogni altro metodo di comunicazione: accendi il video!
  • Prenditi del tempo per costruire il rapporto 👫
    Le domande personali fanno parte della riunione. Non andare subito al punto, ma fai come se fossi in ufficio: le piccole chiacchiere extra-lavoro stabiliscono una forte connessione e quando si lavora da remoto bisogna mantenerle.
  • Essere sempre presenti 🙋‍♂️
    La riunione non è il momento di essere multitasking, quindi bisogna evitare di controllare i messaggio o le e-mail: la persona dall'altra parte dello schermo se ne accorgerà.
  • Non annullare la riunione 🙅‍♀️
    La giornata è sempre imprevedibile ma non commettere l'errore di pensare che una riunione in remoto sia meno vincolante di una in ufficio: ogni leader rappresenta l'intera società e la sua puntualità darà chiari segnali alle persone.

Il 1-to-1 è sicuramente uno degli strumenti più potente per aumentare le performance del team. Nel contesto di un'azienda distribuita riuscire a svolgere 1-to-1 strutturati che sappiano coprire tutte le iniziative del team in cui la persona è coinvolta, è essenziale per garantire sempre la produttività dell'intera azienda💡

 

Se vuoi provare uno strumento per svolgere i 1-to-1 e assicurarti di mantenere il tuo team sempre coinvolto e allineato puoi provare RiskHub. Con RiskHub si possono aumentare le performance del team (anche remoto) mantenendo il lavoro organizzato per obiettivi.

Provalo senza impegno e sfrutta la funzione dedicata 😍

Ti potrebbero interessare anche:

Remote Working motivazione

Né remoto né ufficio: come gestire i team ibridi

La maggior parte delle aziende italiane durante il 2020 si è attrezzata per lavorare da remoto.

Remote Working

I 5 tratti di un team efficace secondo Google

Il trend è chiaro: le aziende stanno diventando ogni giorno sempre più distribuite geograficamente e interfunzionali, si...

OKR Remote Working

Perché è difficile dare fiducia e come iniziare a farlo

Purtroppo capita di frequente che in azienda si percepisca una forte mancanza di fiducia: i manager non la concedono ai ...